Teatro d'attore

3-10 ANNI

drammaturgia e testo di ANGELO PENNACCHIO
regia di MICHELE SEGRETO
scenografia e pupazzi di DONATELLA MORA e GIUSEPPE LUZZI
scenotecnica di MAURO FACCIOLI

si ringraziano ANTONIO ERRICO per l’animazione dei pupazzi, SHAFALI MATHUR e MAHJOIBA GHAMROUI per le loro testimonianze come mediatrici culturali.

Un garzone pasticcione deve allestire un grande banchetto a cui sono stati invitati tutti, ma proprio tutti…
Sembra non manchi nulla eppure… Qual è l’ingrediente che ancora manca perché la festa possa avere inizio? E, soprattutto (si chiede), è proprio nel posto giusto?
Si fanno avanti quattro animali, un gatto, una mucca, un cammello e un dromedario che stanno tutti accompagnando i loro rispettivi padroni in un posto che sembra da tutt’altra parte: La Mecca, il Gange, Betlemme. Ognuno di loro ha storie da raccontare che sembrano essere diversissime. Eppure è comune la voglia di camminare per arrivare al “centro”, il luogo dove la festa possa caricarsi di senso.

Uno spettacolo lieve e divertente, che parla ai bambini con il linguaggio della favola, dando voce agli animali ed evocando luoghi e tempi lontani, quasi mitici, ma che hanno tutt’oggi il potere di far intraprendere un viaggio (pellegrinaggio) a migliaia di persone.
Uno spettacolo che usa immagini e parole semplici per raccontare storie che si tramandano da migliaia di anni, perché l’accoglienza possa cominciare dalla conoscenza delle proprie e delle altrui tradizioni, non dal loro nascondimento o negazione.
Uno spettacolo che, a suo modo, introduce metafore ardite e grandi domande, tutte a portata di bambino ma che, forse per questo, si fanno complicate quando si diventa adulti.