Teatro di narrazione

5-12 ANNI

 

di e con: Emilio Martinelli

“a mio avviso l’unico vero uomo dei poemi omerici.
gli altri, diciamoci la verità, erano solo dei rambo,
esaltati come eroi più per la loro prestanza fisica che non per quello che pensavano.
Ulisse, invece,
aveva tutti i pregi e tutti i difetti che un uomo deve avere:
era coraggioso,
bugiardo,
amante dell’avventura,
attaccato alla famiglia,
e allo stesso tempo traditore,
curioso,
imbroglione,
astuto,
farabutto,
intelligente,
Per definirlo con una sola parola (greca) era un poly-.
Omero, infatti, a seconda delle situazioni,lo definisce polytropos (dal multiforme ingegno),
polymetis (dal grande intuito),
polyphron (dai molti pensieri),
polymechanos (dalle molte astuzie),
polyplanes (dalle molte avventure) e via di questo passo.
lui, insomma, era un “multiplo”, qualunque cosa facesse.”
(Luciano De Crescenzo)

Per queste motivazioni abbiamo affrontato il suo viaggio; volevamo riscoprire le sue avventure e ren-
derle vive.
Lo spettacolo, pensato proprio per un pubblico giovane, e meno giovane, ma(con lo spirito giovane )… Inizierà da una scenografia mobile a forma di zattera, con la quale il nostro attore/personaggio si imbarcherà per la sua avventura e non ne scenderà fino alla fine.
Racconterà in prima persona, (utilizzando una parola semplice, fresca e ironica, assecondata dalla voce del suo Multiplo; che è pensiero o anima di se stesso) … i personaggi e i momenti salienti dei 10 anni del suo lungo viaggio.
Oltre alla struttura scenica, avrà a disposizione molti oggetti che arricchiranno la narrazione. L’utilizzo di luci d’effetto e brani musicali tratti da importanti artisti contemporanei che in musica hanno raccontato le avventure di Ulisse, aiuteranno il coinvolgimento dello spettatore.